Ieri pomeriggio al Lincoln Center erano presenti gli ottantotto piani del progetto “Sing for Hope” disseminati per tutta NYC dall’inizio di giugno.

Alle 19 in punto, tutti i pianisti in posizione, provenienti un po’ da tutto il mondo, hanno dato luogo ad un breve concerto.

La verità è che in piazza, senza un direttore d’orchestra che coordinasse tutti e senza (presumo) aver fatto alcuna prova, il brano suonato sembrava riecheggiasse sul suo lato ovest.

Al di là della fontana, sul lato della strada, la musica si è dissolta lasciando spazio all’applauso del pubblico qualche secondo prima della parte più vicina al Lincoln Center… Eppure anche così è stato emozionante.

L’effetto eco ha forse aggiunto un tocco in più di naturalezza e spontaneità che ha permesso a tutti noi di godere ancor di più della musica e diventarne protagonisti.

Spettatori ed artisti hanno continuato a suonare e cantare tutto il resto della serata.

20130617-175855.jpg

Pronta a tornare a casa, anch’io sono stata richiamata dalla melodia di una canzone a me molto familiare dal musical Rent (che amo!!), e alla stanchezza ha vinto la voglia di unirmi a quella gioia di cantare a squarciagola 🙂

Sono tornata a casa solo quando i due ragazzi, Michael e Lars (che cantava accompagnandoci al piano), hanno “abbandonato” le scene. Sono tornata a casa ricaricata di un’energia che pensavo di aver esaurito.

AMO NEW YORK!!!!!

 

Articoli Correlati


Elisa: dopo il concerto
Appena rientrata a casa dal concerto di Elisa: SUPERBO!!!!! Lei è MERAVIGLIOSA. Pura energia, gioia...

Musica classica alla portata di tutti
L'altra sera gli zii di Luca sono atterrati a New York e sono stati tra i primi ad assaggiare la pizza...

A NYC tornano i Sing for hope pianos
Per due settimane NYC ospiterà nuovamente i "Sing for Hope Pianos" Si tratta di un progetto di recupero...