Ieri sera Daniela ha deciso di passare la sua ultima (di questi 3 mesi, ma ce ne saranno molte altre nel futuro 😉 ) serata a NY andando al cinema a vedere “Inception”, con Leonardo Di Caprio.

Il film è un po’ macchinoso e complesso, e lascia sicuramente diversi dubbi… ma la mia intenzione qui, non era quella di entrare nel dettaglio del film visto, ma semplicemente sottolineare una nota di cultura dell’andare al cinema in America: qui non esistono biglietti col posto assegnato!!!!

Chi prima arriva meglio alloggia.

Ogni volta che qualche amico passa di qui e decide di fare un’esperienza al cinema (so che non è una cosa che tutti decidono di fare, a causa della difficoltà del seguire un film in lingua originale), rimane “sconvolto” da questo fatto 😀

Sì, non so per quale motivo (forse per un fattore democratico???), al momento dell’acquisto, se ci si vuole sedere in una postazione “strategica”, è meglio mettersi subito in fila anche per poter entrare in sala, perchè i biglietti sono tutti uguali, non esiste alcuna poltrona numerata!!!

Gli americani sono abituati a fare file (e sono di certo più bravi e rispettosi degli italiani), e quindi è assolutamente normale per loro fare prima la fila per l’acquisto dei biglietti e poi una seconda per la “conquista” del posto migliore.

Vero è che non sempre le sale sono stra-piene, e che se si è in coppia non è poi così difficile trovare un posto in cui sedersi (nonostante gli americani vadano molto più spesso di noi al cinema –> anche 2 o 3 volte a settimana!), ma all’apertura di film tanto attesi dal grande pubblico, bisogna mettere in conto anche la “corsa ai posti”!

Ora lo sapete e saprete come comportarvi di conseguenza… 😉

Articoli Correlati


Tribeca Film Festival 2010
Una delle più importanti manifestazioni cinematografiche sta per avere luogo a NY... ed io già non...

Guardare i film con Netflix
Ho citato Netflix parlando della notte degli Oscar e in molti mi avete chiesto di cosa si tratta 🙂 Ormai...

Cinema sotto le stelle… in spiaggia!
Per gli amanti del cinema, l'estate a New York è al tempo stesso un'infinita risorsa di opportunità...