Manhattan è la città in bianco e nero per eccellenza.

La seducente assenza di colore in questa città ci trascina in un’atmosfera vintage e romantica.

“New York è una città in bianco e nero! Odora di bianco e nero, di vecchie pellicole!” ( Hollywood Ending, film di Woody Allen.)

 

IMG_8680 copia

 

Credo non ci sia tecnica più adeguata per esprimere i forti “contrasti” della città. Le sfumature di grigio evidenziano la maestosità dei grattacieli modellati dalla luce che penetra in modo scenografico tra essi.

NYC, città per me ricca di sensazioni, ha la capacità di farti sentire in una vecchia pellicola in bianco e nero. Proprio come ci dice Woody Allen in molti suoi film.

Woody Allen – “Manhattan” Intro .

“Capitolo primo. “Adorava New York. La idolatrava smisuratamente…” No, è meglio “la mitizzava smisuratamente”, ecco. “Per lui, in qualunque stagione, questa era ancora una città che esisteva in bianco e nero e pulsava dei grandi motivi di George Gershwin…” No, fammi cominciare da capo… capitolo primo. “Era troppo romantico riguardo a Manhattan, come lo era riguardo a tutto il resto: trovava vigore nel febbrile andirivieni della folla e del traffico. Per lui New York significava belle donne, tipi in gamba che apparivano rotti a qualsiasi navigazione…” Eh no, stantio, roba stantia, di gusto… insomma, dai, impegnati un po’ di più… da capo.

Capitolo primo. “Adorava New York. Per lui era una metafora della decadenza della cultura contemporanea: la stessa carenza di integrità individuale che porta tanta gente a cercare facili strade stava rapidamente trasformando la città dei suoi sogni in una…” Non sarà troppo predicatorio? Insomma, guardiamoci in faccia: io questo libro lo devo vendere. Capitolo primo. “Adorava New York, anche se per lui era una metafora della decadenza della cultura contemporanea. Com’era difficile esistere, in una società desensibilizzata dalla droga, dalla musica a tutto volume, televisione, crimine, immondizia…” Troppo arrabbiato. Non devo essere arrabbiato.

Capitolo primo. “Era duro e romantico come la città che amava. Dietro i suoi occhiali dalla montatura nera, acquattata ma pronta al balzo, la potenza sessuale di una tigre…” No, aspetta, ci sono:

“New York era la sua città, e lo sarebbe sempre stata…” (Isaac)”

 

Ogni volta che lo guardo mi viene la pelle d’oca! E a voi? 🙂

 

IMG_9983 copia

1

1471162_10201972614531523_9850690_n copia

3

2

5

4

IMG_9986 copia

 

TILLA IN NYC

Articoli Correlati


Le luci dell’Empire
Vi siete mai chiesti perché L'Empire State Building si illumina con colori diversi a seconda delle giornate? Per...

Picasso in bianco e nero al Guggenheim
Ieri, l'account italiano di NYC & Company ha twittato: "Picasso a Milano e a New York City: non perdetelo...

Jeans? Solo bianchi.
Possibile che con l'estate in arrivo non si riesca a pensare a qualcosa di diverso dal bianco? Amo...