Ieri, uragano e cannoli a parte 😉 , ha avuto inizio anche il Festival organizzato dal Patrocinio Turco di New York.

Un’intera settimana in cui potersi immergere in una dimensione culturale e artistica balcana senza dover lasciare la città: vestiti fatti su misura provenienti dai famosi Grand Bazaar, danza e musica ottomana, spettacoli folcloristici, cinema (con la proiezione di tre film contemporanei), arte, artigianato, libri e cucina balcani.

Un’altra occasione per i turco-americani di seconda o terza generazione per poter rinvigorire il legame con la patria di provenienza e un modo per i turchi di portare e presentare le proprie tradizioni a NY.

Ieri e oggi (16-17 settembre 2010), presso Grand Central, nella Vanderbilt Hall, per tutta la giornata (dalle 8 alle 20) è in mostra un tour storico tra le culture anatoliche, la bellezza dell’architettura della famosa moschea Sehzadebasi, i tradizionali vestiti e lo sviluppo dell’arte da antica a contemporanea.

Domenica 19 settembre dalle 9 del mattino alle 18, mentre a Little Itlay avverrà la processione di San Gennaro, su 41st street, da 6th avenue a Broadway, ci sarà il vero e proprio mercatino di bazar turchi che metteranno in mostra il cibo, la cultura, l’arte e il design a tema ottomano. Numerose persone vestiranno i tradizionali costumi locali e intratterranno i presenti… sembrerà un pò di essere catapultati ad Istambul 😉

Da lunedì 20 al mercoledì 22 settembre invece, dalle 19 alle 23, New York Film Academy presenterà i tre film turchi contemporanei, seguiti dall’intervento di registi e attori che saranno disponibili al confronto col pubblico.

Dall’Italia alla turchia in meno di 50 isolati… non male, no? 😀

Articoli Correlati


Il Giappone a NY
Arriva il Giappone a New York, precisamente al Grand Central Terminal, e darà il meglio di sé da giovedì...

Primavera all’insegna dell’arte
Domani dovrebbe iniziare ufficialmente la primavera, nonostante le previsioni su Manhattan diano di nuovo...

Treni in mostra al Grand Central Terminal
Viviana ha fatto un "like" su Facebook, e Pix lo ha subito condiviso con Andrew e con me... team work...