Sabato e domenica, si sa, è momento di brunch, e ieri, sempre grazie a Francesca, abbiamo scoperto un altro gioiellino in pieno Williamsburg, quartiere super cool di Brooklyn.

Francesca mi ha telefonato e dopo aver avuto la nostra conferma, si è precipitata da Egg , al 135 di North 5th Street a Brooklyn, e ha scritto il mio nome (per 3) sulla lista delle persone in attesa… e grazie a lei siamo riusciti ad evitarci un’oretta (come minimo) di coda!!!

Sì, purtroppo questo è l’unico aspetto negativo del posto… è MOLTO probabile dover aspettare a lungo prima di potersi sedere e godere del brunch, ma il piccolo ristorantino garantisce la freschezza e genuinità degli ingredienti, e già questo di per sé merita la massima considerazione.

Soprattutto a New York, le persone sono sempre più attente alla provenienza di uova, carne e latte (il documentario Food Inc. insegna!), e il fatto che Egg serva in tavola solo cibo prodotto nella loro propria fattoria (comprata ad Oak Hill nel 2007), è un buon punto di partenza.

Tutto qui è organic (biologico) certificato, e questo è il loro punto forza. Sorprende che i prezzi siano relativamente bassi, ma questo dipnde dal fatto che non ci troviamo in una zona super turistica di Manhattan, ma siamo invece in uno dei quartieri più alternativi e artistici di NY.

Il caffè è proposto nella versione “french-press” (il che significa che non ci sarà il solito refill –> cioè per averne una seconda tazza abbiamo dovuto ordinare un’altra “caffettiera”, ma poco male, visti i pro), dall’aroma decisamente più intenso e, decisamente più bello alla vista 😉 Nel momento in cui ci viene servito, ci viene messo sul tavolo anche un piattino con tre frittelle tonde, goloso omaggio della casa… già ci piace!

Abbiamo ordinato: 2 uova, hashbrowns (purè di patate fritto: spettacolare!!!) e toast con marmellata (anche questa fatta in casa), per me e mio fratello e french toast (eccezionale, che ci è stato raccomandato dalla cameriera) per Gaia.

Nell’attesa abbiamo disegnato sulla tovaglia di carta bianca coi pastelli di cera lasciati apposta sul tavolino… senza pensiero ci siamo ritrovati tutti coi colori in mano a dar via libera alla nostra fantasia (scrivendo anche cose stupidissime in italiano, confidenti nel fatto che nessuno avrebbe capito…), e abbiamo notato che non c’era nessun bambino che disegnava, invece c’erano un sacco di giovani, tutti in attesa di mangiare, e tutti stavano “creando” sui tavolini: ricordiamoci che a Williamsburg sono tutti artisti!

Ci hanno finalmente portato il nostro brunch, e le uova avevano proprio il sapore di uova (che siano state cotte nel burro per intensificarne il gusto?): DELIZIOSE!!!! Tutto buonissimo!!! Chiacchieriamo coi vicini di tavolo (che ci hanno visti “estasiati”) e ci raccomandano di ritornare a provare gli hamburger –> lo faremo di sicuro!

Per arrivarci, è sufficiente prendere la metropolitana L (anche da Union Square…se per caso vi trovate da quelle parti) e scendere alla fermata di Bedford avenue. Attenzione: accettano solo contanti!

Articoli Correlati


Flea Market Café
Oggi è Martin Luther King Day, e per l'occasione tantissimi café offrono brunch anche ora, pur essendo...

Dine in Brooklyn
Dal 19 al 29 marzo si celebra "Dine In Brooklyn", la Brooklyn’s restaurant week!!! Dal prossimo...

Il mercatino delle pulci di Brooklyn
Sabato scorso una lettrice, Chiara, mi aveva chiesto più informazioni sul Flea Market (mercatino delle...