La mia cara amica Serena mi ha presentato Lorenzo, Lorenzo mi ha presentata a Beatrice ed è così che mi sono ritrovata nel bel mezzo del Bronx ad una cena meravigliosa in cui protagonista assoluta è stata l’eccellenza italiana in cucina.

Gustiamo, fondata 15 anni fa da Beatrice Ughiimporta e distribuisce in tutta America prodotti di alta qualità provenienti da tutte le regioni d’Italia.

IMG_8173

Gustiamo rappresenta i piccoli produttori italiani (molti appartenenti anche allo Slow Food) e senza dubbio NYC è sempre più ricettiva all’alta qualità dei prodotti artigianali, specie se di provenienza italiana. Il prezzo è relativamente più alto se paragonato ad altri prodotti di importazione, assolutamente giustificato dalla loro bontà.

Ottima risorsa per tutti gli italiani residenti all’estero e per gli amanti del cibo, oltre a consegnare direttamente ai privati, rifornisce anche diversi chef dei ristoranti/boutique di NYC.

È assolutamente da tenere in considerazione anche nel caso in cui vogliate fare un regalo speciale a chi vive negli States: ricevere i prodotti di gustiamo è un po’ come portare a casa un pezzetto d’Italia.

Seguite anche voi gustiamo sui social come facebook, twitter e instagram: capirete presto il perché del suo successo in America.

Presso la sua sede, al 1715 West Farms Road, tra E. 173rd e 174th Street, del Bronx, Beatrice ha iniziato ad ospitare serate esclusive al fine di creare una piccola comunità per gli appassionati del settore e qualche sera fa ho avuto il piacere e l’onore di farne parte anch’io.

IMG_9876

La sede, un magazzino industriale nel cuore del Bronx, non dista molto dalla fermata di 174th Street delle linee 2 e 5.

Nel caso vogliate acquistare qualche prodotto, passare a conoscere la compagnia e magari anche prendere un buon caffè, sappiate che il venerdì è la giornata di open warehouse 🙂

IMG_9884

Al mio arrivo per la cenetta speciale, sono stata accolta con un aperitivo originale fatto con aperol, elisir di zibibbouvette siciliane e succo di limone e da saporitissime olive pugliesi.

La tavola era meravigliosamente imbandita per un totale di 10 persone: Beatrice, Danielle, curatrice media di Gustiamo, e otto invitati. Anche il fatto che fosse situata proprio al centro del magazzino, con tutti gli scatoloni di cibo di importazione, ha reso l’esperienza ancora più interessante.

IMG_8167

IMG_8175

Primi piatti: linguine di Gragnano con bottarga dalla Sardegna e busiate (pasta strepitosa mai assaggiata prima) con pesto trapanese alle mandorle e pomodori del Vesuvio.

La cena è stata un’ottima dimostrazione di come siano sufficienti pochi prodotti prelibati (tutti importati e distribuiti da Gustiamo) per creare piatti deliziosi e raffinati.

IMG_8171
IMG_8182

IMG_8190

Secondo: polpettone servito con aceto balsamico tradizionale di Modena di 12 anni accompagnato dall’insalata di finocchi, arance, mandorle siciliane, acciughe della costiera amalfitana e olive campane.

IMG_8187
IMG_8205

 Dolce: crema di cacao amaro e nocciole o  crema al pistacchio da spalmare sul pane fresco… da leccarsi i baffi!!!

IMG_8207

IMG_8208

Tutti gli invitati erano molto interessanti e durante la serata ho chiacchierato soprattutto con Allison di Experience Sicily e con Paul Greenberg, autore e giornalista per il New York Times (i suoi libri sono stati tradotti anche in italiano e potete trovarli in tutte le librerie d’Italia).

IMG_8213

Beatrice, Danielle e Edoardo hanno mille progetti per Gustiamo e sono sempre interessati a conoscere ragazzi che amano il mondo del cibo vero, fatto da persone e contadini.

Nel caso siate interessati a lavorare con loro o a fare una internship potete scrivere direttamente a Beatrice o a Edoardo… in bocca al lupo!!!

Articoli Correlati


Gustiamo NY ricerca personale
Oggi pomeriggio mi ha scritto questa email Danielle, di Gustiamo. La giro subito a tutti voi, nel caso...

Restaurant Week:menu degustazione a prezzo fisso
Insieme all'offerta dei biglietti 2x1 a Broadway, è possibile godere di un'esperienza culinaria unica:...

Eataly
Eccomi pronta a rientrare a casa. Questa vacanza italiana è stata rigenerante, ma ora ho anche voglia...