Hello folks! Sono Tilla. 🙂

Come saprete tutti a New York ci sono innumerevoli musei da esplorare. Ogni momento c’è qualcosa di nuovo da scoprire, visitare ed è con grande curiosità che sono andata a “sondare” il nuovo museo di cibo e bevande che ha recentemente aperto a Brooklyn; precisamente a Williamsburg.

Me ne aveva parlato la mia amica food blogger Chiara Bellasio e io, senza pensarci due volte ho seguito il suo consiglio.

Il nome esatto del museo è Museum of Food and Drink ( MOFAD ) e si è svelato con una mostra inaugurale dal titolo “Flavor: Making It and Faking It”, (“Sapore: crearlo e simularlo”) che sarà aperta fino al 28 febbraio 2016.

 

IMG_0819

 

MOFAD è il primo museo sul cibo di New York City e la sua particolarità è che durante le esposizioni si può addirittura mangiare e… annusare! 🙂 Infatti il museo, sebbene piccolo e contenuto in una stanza, ha come obbiettivo quello di far conoscere in modo coinvolgente, la cultura, la storia, la scienza, la produzione e il commercio di cibi e bevande.

 

IMG_0881

 Sintetizzatore di odori per crearti una combinazione personalizzata di profumi 

La mostra l’ho vista con la “guida perfetta”: la mia amica Arianna, health coach, cuoca e anche insegnante di yoga.

Arianna Sertoli, residente a New York da 7 anni, parla 4 lingue: inglese, italiano, spagnolo e francese. Ha vissuto in Bhutan, Chicago ed ora a New York dove sta aspettando la prossima avventura. 🙂

Arianna ha il suo proprio studio a Union Square dove fa consultazioni di salute e lezioni private o semi private di yoga. E’ anche una cuoca ed organizza cene in vari spazi a Brooklyn e Manhattan con il messaggio di mangiare slow food, frutta e verdura di stagione e con l’idea di avere tutto quello nel piatto sano e di origine biologica. Per saperne di più trovate tutte le informazioni su Arianna sul suo sito www.feedthebodyandsoul.com .

Io ho avuto la fortuna di provare la sua cucina e devo dire che che è davvero brava! 😉

 

IMG_0812

Arianna e Tilla

 

“Flavor: Making It and Faking It” ripercorre la storia dell’industria del sapore che risale al 19° secolo, con la creazione del primo gusto artificiale di vaniglia.

 

IMG_0875

IMG_0879

IMG_0873

IMG_0877

 

Una delle attrazioni più carine del museo, sono proprio questi sintetizzatori di odori dai quali escono diversi tipi di profumi ( alcuni non sono proprio buoni da annusare…anzi!! 😀 ). Alcuni di essi spiegano quali diversi aromi sono stati usati per creare un sapore artificiale, mentre in altri sintetizzatori bisogna indovinare se quello che stai odorando è un odore naturale o creato in laboratorio. Molto divertente!

 

IMG_0935

Questo profumo d’uva sarà artificiale o naturale?

IMG_0943

Ciò che le persone imparano grazie a queste macchine, è che alcuni odori possono essere molto sgradevoli da soli,  mentre se aggiunti ad altri gusti diventeranno molto buoni.

 

IMG_0880

 

Una parte della mostra parla anche del dibattuto umami. Il gusto Umami, chiamato anche quinto gusto, è stato scoperto nel 1908 da Kikunae Ikeda, professore presso l’Università Imperiale di Tokyo. Ikeda ha individuato un aminoacido come fonte di quel gusto cosi accentuato e lo ha brevettato come esaltatore di sapidità il glutammato monosodico.

 

IMG_0940

I visitatori possono provare pellet di umami al gusto di pomodoro, funghi, alghe.

IMG_0936

Il mio preferito è quello al pomodoro! 😀

IMG_0872

Il MOFAD museum si trova esattamente a 62 Bayard Street (tra Lorimer Street e Leonard Street), Brooklyn, NY a due passi da Sottocasa Williamsburg! 🙂

La visita costa 10 $ e i due giorni di chiusura sono il lunedì e il martedì.

 

TILLA IN NYC

Articoli Correlati


Gratis al museo con Bank of America
I "correntisti" di Bank of America a partire da domani, sabato 7 gennaio, e tutti i primi weekend di...

Basquiat al Museo di Brooklyn
La nuova mostra su Basquiat, inaugurata oggi al Brooklyn Museum, è assolutamente da non perdere... l'occasione...

Museum on Us, con Bank of America
Anche per il 2013, i correntisti di Bank of America potranno godere dell'entrata gratis al museo (*)...