Ingredienti:
125 gr. di biscotti “Digestive”
50 gr. di zuccherocheesecake-cheesecake-296572_517_395
75 gr. di burro

450 gr. di “Philadelphia”
400 gr. di latte condensato in barattolo (mi pare che la “Nestlè” proponga la versione in italiano di “latte concentrato zuccherato”), qui io uso lo Sweetened Condensed Milk
3 uova
2 cucchiaini di succo concentrato di limone

Preparazione:

Scaldate il forno a 163ºC.

Tritate grossolanamente i biscotti e mescolateli ai 50 gr. di zucchero e ai 75 gr. di burro precedentemente fuso, poi versate il composto in una teglia rotonda con cerniera dal diametro di 23cm e premete forte affinché si compatti bene sul fondo.

    Trucco: io uso un largo contenitore di vetro pieno d’acqua col coperchio (così evito che l’acqua esca) per schiacciare il più possibile il fondo in maniera uniforme, poi mi aiuto con un cucchiaio per premere bene anche i bordi.

Disponete la teglia tonda su un’altra teglia larga per pizza –> a me succede sempre che il burro si sciolga e ne fuoriesca un pochino dalla cerniera, in questo modo evito di pulire in seguito il forno e di “intossicarmi” con la puzza di bruciato. Mi è successo diverse volte di seguito… ora mi ricordo sempre di “prevenire”!!!

Infornate per circa 10-12 minuti (il composto dev’essere di un colore tra l’oro e il marrone), poi tirate fuori la teglia dal forno e fatela raffreddare.

Alzate la temperatura del forno a 175ºC.

In una scodella a parte, mescolate il formaggio, il latte condensato, le uova e il succo di limone fino ad ottenere una crema omogenea e versatela poi nella teglia sopra la base di biscotti.

Mettete in forno e cuocete per circa un’oretta senza mai aprire lo sportello del forno.

La cosa migliore sarebbe quella di lasciar  riposare la cheese cake nel forno chiuso, una volta azzerata la temperatura, per circa 5-6 ore e poi raffreddarla definitivamente in frigo prima di servirla.

Per dirvi la verità io più volte l’ho tirata fuori dal forno senza aspettare e messa quasi subito in frigo; quel che succede è che si rompe un pochino in superficie, ma il gusto subisce alcuna alterazione 😛 … non riesco proprio a resistitere al profumo, così cerco di abbattere i tempi di attesa al massimo, sacrificando l’aspetto esteriore del dolce!

–> torna alla pagina

Articoli Correlati


Cupcake al Cioccolato
Hai ragione Elisa, le cupcake non possono proprio mancare in questo piccolo ricettario che a poco a poco...

Chocolate Chip Cookie
Dopo tanti esperimenti pseudo-falliti (bhé, a dire il vero, nessun biscotto è mai finito nel cestino...

Carrot Cake (torta di carote)
Questa mattina per colazione ho mangiato un paio di fette di Carrot Cake che ha preparato Luca ieri sera...