Sono di parola. Vi ho detto su Facebook che vi avrei dato la ricetta ed eccomi qui a farlo (ho appena finito di fare la mia superba colazione, eheheh!!!) 🙂

Finalmente, dopo quasi 5 anni di New York, mi sono decisa a provare io la mia granola, invece di spendere $5 per mangiare quella “fatta in casa” da qualcun altro. Ora mi chiedo perché io abbia aspettato così tanto tempo!!!

Sembrava decisamente più complicato ascoltare le ricette diverse e “laboriose” degli amici piuttosto che decidere di provarne una e scoprire che è veramente la cosa più semplice (e buona) del mondo!!!!!

La cosa ideale sarebbe preparare la granola alla sera per poi mangiarla a colazione la mattina dopo; conservandola poi in un contenitore sottovuoto di metallo o di vetro fino a due settimane (poi è meglio rifarla… se resiste fino a due settimane!).

Accendere subito il forno a 150°C, la preparazione è veloce.

Mischiare bene assieme in una grande ciotola:

  • 250gr di fiocchi d’avena
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • mezzo cucchiaino di cannella
  • un pizzico di sale
  • nocciole non tostate (a piacere.. io ne ho messe tantissime, eheheh!)

 

In un’altra ciotola mescolare:

  • 110gr di miele (io ho usato quello un po’ scuro e piuttosto liquido fatto a Brooklyn, in Italia ne avrei scelto uno d’acacia o di castagne, a me piace quel retrogusto un po’ amarognolo: dipende dalle vostre preferenze 😉 )
  • 55gr di canola oil (secondo me l’olio di girasole sarebbe perfetto!)
  • un cucchaino di estratto di vaniglia

Versare il contenuto solido su quello liquido, così da combinare i due “stati” alla perfezione senza sprecare nulla (mi era stato suggerito il contrario, ma versando il liquido sul solido, qualcosa sarebbe senz’altro rimasto attaccato al contenitore).

Per far sì che tutto sia perfettamente amalgamato ho usato le dita. Non credo esista altra soluzione.

Foderare con della carta da forno una teglia larga e sottile e distendervi sopra il composto per poi mettere tutto a tostare al centro del forno (che dovrebbe essere a 150°C).

Dopo 15 minuti girare bene i cereali per permettere una cottura omogenea (lo vedrete: le nocciole saranno tostate solo “a metà, eheheh) e cuocere per altri 15/20 minuti.

Se vi piace un sapore un po’ più intenso potete aspettare altri 5 minuti. Per me 15+20 di cottura è perfetto, lasciando poi altri 5 minuti la teglia in forno a forno spento prima di tirarla fuori e lasciar raffreddare il tutto continuando di tanto in tanto a mescolare (i cereali tendono a diventare duri e ad appiccicarsi tra loro, è normale).

Una volta fredda potete personalizzarla aggiungendovi di tutto secondo il vostro gusto: semi di girasole, pistacchi, macadamia, scaglie di cocco, uvetta…

Via libera alla creatività (e alla gola), per poi mangiarla con yogurt o latte 😉

Ecco la mia, ancora sulla teglia:

 

 

Articoli Correlati


Feeling under the weather
Ieri sera a cena con amici, Tara e Simone si sono messi a scherzare sull'espressione inglese "feeling...

Chocolate Chip Cookie
Dopo tanti esperimenti pseudo-falliti (bhé, a dire il vero, nessun biscotto è mai finito nel cestino...

La mia nuova ossessione: il croissant al cioccolato di Trader Joe’s
Dove fare colazione a New York? Pasticceria francese per i migliori croissant, e Eataly per il miglior...