Uomini che leggete il blog: non perdete tempo, questo non è per voi 😛

Non che sia proibitivo per un uomo “farsi fare mani e piedi” dall’estetista; per quanto sia insolito, devo dire che a NY c’è sempre anche una piccola presenza maschile all’interno delle “Spa&Nails” in giro per la città, ma in generale è più un abitudine al femminile.

A New York è abbastanza comune andare una volta a settimana a “farsi fare le unghie”. I prezzi non sono proibitivi (specie se paragonati al costo vita) e tantissime donne si regalano questo treat. A Manhattan farsi fare la manicure costa circa $7 e la pedicure sui $16, ma ci sono tante offerte di mani+piedi che vanno dai $18 ai $24 (a cui aggiungere sempre il 20% di mancia).

Nonostante il peeling e il massaggio ai polpacci, il massaggio plantare, la “riflessologia” alle mani e persino lo “shatzu”a testa/collo/spalle in attesa che lo smalto si asciughi, per me nulla può essere comparato ad una sana e profonda pedicure italiana.

Qualcuno sa spiegarmi perché a NY le estetiste degli  Spa&Nails sono tutte cinesi?! Non esiste alcuna implicazione in questa domanda, è una sana e semplice curiosità e spero che qualcuno di voi mi aiuti a soddisfarla.

Settimana scorsa ho avuto una pausa di un’oretta e mezza prima di una lezione di kangoo, così ho deciso di concedermi anch’io questo “sfizio”.

Solo nel momento in cui l’estetista ha iniziato a mettermi lo smalto sui piedi mi sono accorta del grave errore: come potevo pensare di avere piedi perfetti se già sapevo che sarei poi andata a saltare subito dopo???

Stupida io, ma ormai non potevo più fermarla, mi sembrava sgarbato.

Nella mia mente ho pensato a quest’estate: la mia carissima amica Daniela si era fatta fare la pedicure alle 10 del mattino, ed è stata in giro in infradito fino alle 14, quando ci siamo viste a Central Park per kangoo. Dopo essersi messa le calze e aver saltellato per un’ora, al momento di rimettersi le infradito si è accorta che alle unghie si erano appiccicati tutti i “pelucchi” delle calze e che lo smalto era completamente rovinato: che nervi!!! Soldi buttati via.

La stessa cosa sarebbe capitata a me, già lo sapevo. In più: io avrei fatto kangoo solo una mezz’ora dopo a quel punto!!!

Dopo aver messo mani e piedi ad asciugare sotto l’aria calda con raggi UVA (fantastico!) per tre volte, mi sentivo pronta a rischiare a rimettere calze e scarpe –> siamo in inverno, non c’era verso che io me ne andassi in infradito come invece fanno le ragazze newyorkesi!!!

La signora cinese, in tutta tranquillità, mi si avvicina con un paio di fogli di carta trasparente per la cucina e mi dice di aspettare.

Mi prende i piedi e me li avvolge nella plastica come se nulla fosse, e poi mi dice che avrei potuto metterli nelle calze.

Calze, scarpe, e poi kangoo. Dopo l’ora di lezione mi sono lavata tenendo “incelofanati” i piedi, ho rimesso le calze e le scarpe e sono stata fuori fino alle 2 di notte (siamo andati a giocare a ping pong con gli amici al Fat Cat).

I piedi? PERFETTI. HA FUNZIONATOOO!!!!!!

È passata una settimana e le mie unghie sono ancora stupende, e Luca continua a guardarmele e a dirmi: “Wow, che colore, proprio belle!!!”.

Io? Felice e soddisfatta 😉

Articoli Correlati


Manicure e Pedicure a Manhattan
Camminando per New York è impossibile non notare la miriade di Nail Spa sparse per la città. Non...

Spa manicure e pedicure
Circa un anno fa vi avevo parlato dei vari sconti di cui si può godere online. Ai siti che già...

Spa week
$50 per un bel massaggio esfoliante, rigenerante o semplicemente rilassante? Oppure, cosa ne dite di...