Nata come chiesa episcopale nel 1844, all’incrocio tra W20th street and 6th Avenue, la Church of the Holy Communion è stata venduta alla fine del 1970 alla Odyssey Institute (istituto di ricerca), e qualche anno dopo, nel 1983, comprata da Peter Gatien, che l’ha resa famosa come Limeligh, discoteca di New York.

Chiusa nel 2001 per motivi di droga (triste fine per quella che una volta era una chiesa…), fino al 2007 ha visto il susseguirsi di diversi club, ed ora è finalmente pronta per una nuova rinascita in Limelight Market, un centro commerciale in pieno Chelsea.

Inaugurerà il 7 maggio, e da allora sarà aperta tutti i giorni dalle 10 del mattino alle 21.

60 negozi di moda, accessori, design, arte, bellezza e punti ristoro, tra cui: il primo negozio degli Hunter, LeSportsac, LuLu, Denim&Sneaker Bar, Brocade Home, Selima Optique… e per mangiare, Grimaldi, la leggendaria pizzeria di Brooklyn (pizza newyorkese “originale), Mariebelle Chocolate e Little Candy Cakes 😛

Chissà se i negozi che si sono assicurati un posto al suo interno hanno dovuto pagare di più per una “location più santa” –> non so se ha senso fare questo tipo di riferimenti, pensando che per anni è stata una discoteca, ma ovviamente mi riferivo alla zona in cui originariamente vi era l’altare…  😕

Articoli Correlati


Grimaldi Pizzeria
È stranoto il mio amore per la pizza (in particolare per quella napoletana!), e fin'ora ancora non avevo...

Secondo di 4 giorni a NY
Venerdì 12 agosto - West Village e Downtown Come per il primo giorno, per la colazione potete scegliere...

Chelsea Market
Nel 1890 l'azienda National Biscuit aveva deciso di produrre i suoi biscotti in maniera industriale in...