Pranzo di Natale in California con tutta la famiglia al completo (la mia più quella di Luca): STUPENDO!

Mi piace pensare che per alcuni (forse molti) di voi, la giornata di festa si sta già per esaurire, mentre qui è quasi appena cominciata. Ora sono le 13.30 da noi, le 16.30 a New York e in Italia sono già le 22.30. Fantastico! Mi diverte pensare che presto festeggeremo l’anno nuovo, che passeremo a Las vegas… ci toccherà brindare tutte e tre e volte per essere solidali 😉

Ieri sera sono atterrati anche mio fratello e la sua fidanzata, Gaia, e tutti insieme siamo andati alla famosissima “The Cheesecake Factory”, ristorante quotato anche in borsa che dovrebbe essere abbastanza prestigioso e se non altro considerato il numero uno per la cheesecake (l’abbiamo provata, e in effetti è buona… ma io continuo a preferire quella di Eileens a NY!!!).

Beh… Gaia per prima ha notato che sul menù c’era pure “Fettuccini Alfredo” (sì, sì, con la “i”, non con la “e”)!!!

La domanda è stata al centro di tutta la serata: «ma da dove vengono queste Fettuccine??? Chi è Alfredo?»
Domanda di riserva (di Massimo, fratello di Luca): «ma qualcuno ha mai assaggiato delle Fettuccine Alfredo che fossero decenti?». Risposta ovvia: NO 😀

Grazie alla tecnologia (viva gli smart-phone!), abbiamo passato la prima parte della cena cercando su internet di risolvere il dilemma.

Alfredo Di Lelio aveva un ristorante a Roma chiamato Alfredo alla Scrofa. Nel 1914 Di Lellio raddoppiò la dose di burro usato per le fettuccine classiche “al burro” per stuzzicare l’appetito che la moglie, incinta, aveva perso e di fronte al suo successo decise di introdurre la nuova ricetta nel menù del ristorante.

Nel 1927 Mary Pickford e Douglas Fairbanks, divi di Hollywood in luna di miele a Roma, assaggiarono le “Fettuccine Alfredo” e se ne innamorarono. Regalarono al cuoco-proprietario una forchetta e un cucchiaio d’oro ed una foto di loro al suo ristorante, poi, una volta tornati a Hollywood, raccontarono a tutti di questa straordinaria ricetta.

Negli anni ’50 e ’60 Hollywood scoprì Roma e le fettuccine divennero famosissime. Waverly Root, in “The Food of Italy”, del 1971, citò queste “famose” fettuccine come piatto tipicamente romano…

E mentre in tutta America queste Fettuccine Alfredo sonon tutt’ora associate ad una delle ricette italiane più popolari, in Italia se ne sono perse totalmente le tracce. Nessun ristoratore oggi si sognerebbe mai di servire fettuccine al burro e parmigiano come piatto ricercato o elaborato come invece continuano a fare i “Ristoranti Italiani” negli Stati Uniti.

Quando cerco di spiegare a qualche americano che non esiste alcuna ricetta del genere in Italia mi guadagno solo degli sguardi increduli e sospettosi come per dire: «Ma com’è possibile che tu non le conosca? Dove hai vissuto?».

Col tempo poi, alla semplice ricetta originale è stata anche aggiunta della panna e la pasta è purtroppo spesso scotta… eppure gli americani continuano a pensare che sia una ricetta del tutto italiana.

Certi miti andrebbero sfatati, che dite? 😉

Articoli Correlati


Little Italy e i ristoranti italiani
Troppo spesso ho incontrato in giro per la città italiani “delusi” dopo aver mangiato in qualche...

Eileen’s: specialista nelle cheesecake
Torno a parlarvi di golosità... eheheheheheh!!! 😀 Ieri ho trovato in chat Luca Cassarà e in meno...

Neve a New York!!!
New York sotto la neve!!! Probabilmente lo avrete visto anche ai telegionali... 🙂 Io e Luca siamo...