Sabato mattina del 22 ottobre: giornata “ordinaria” e non di vacanza per me, che mi sposto da una parte all’altra della città.

Il problema è che di notte e nei weekend il trasporto pubblico lascia spesso i passeggeri in balia del caos. “MTA sta lavorando per voi”… ma nel frattempo è un disastro!

Pensavo che di conseguenza dovrebbe esistere un “biglietto ridotto per nights and weekends“, o no?!

Questa mattina sono arrivata alla fermata della linea 2/3 di Hoyt street (a Brooklyn) per scoprire che, causa lavori, l’entrata era chiusa. Ho camminato fino alla fermata successiva sperando di poter prendere il mio treno da lì, ma a quel punto ho realizzato che non esisteva alcun servizio tra Brooklyn e Manhattan su quella linea…

Mi sono sentita un po’ stupida perché sono perfettamente cosciente del disservizio del fine settimana e avrei dovuto controllare gli eventuali cambiamenti sul sito di MTA, ma ero ancora in tempo per “riparare il danno”.

Alla fermata di Borough Hall per fortuna passano anche i treni 4 e 5, così sono riuscita a salire “al volo” sul primo arrivato. A bordo, una voce ha avvisato dei cambiamenti in atto, istruendo i passeggeri diretti alla linea 1 di scendere a Bowling Green e prendere da lì lo shuttle gratuito che li avrebbe portati a destinazione a South Ferry (capolinea della linea 1).

Nessun altro avviso.

Sono rimasta a bordo fino a Fulton perché solitamente è a quella fermata che si può prendere la 2 o la 3, ma in prossimità della stazione ecco che la stessa voce (infame) annuncia la sospensione del servizio del mio treno… Damn it!

Sono scesa comunque per prendere la A o la C che quantomeno mi avrebbero portata fino a Columbus Circle, e una volta sulla piattaforma mi sono accorta che TUTTE le entrate alle diverse metropolitane erano chiuse per lavori per l’intero weekend. Ovvio ?)

Dietro di me sentivo le lamentele dei newyorkesi insultare i pochi lavoratori in divisa, mentre leggevo un cartello che suggeriva di recarsi a Chambers street e prendere da lì la A. Una piccola e scomoda diramazione (l’ennesima) che ancora una volta non sarebbe stata poi la fine del mondo se fosse stata la soluzione al mio “viaggio” verso l’Upper West Side.

All’ingresso della fermata il cartello diceva “A train. Brooklyn Only”. What???

Ero al punto d’inizio. Mi trovavo al World Trade Center, downtown Manhattan, e non c’era modo da lì di proseguire verso nord su alcuna linea rossa o blu (la 2 e la 3 erano chiuse anche a Park Place, e pure la E e la C non funzionavano).

Invece di lasciarmi prendere dalla frustrazione (a quel punto ero anche in notevole ritardo), ho finalmente trovato un’alternativa valida prendendo la R a City Hall e poi cambiare con la 2 o la 3 a Times Square.

In un’ora e 20 minuti ero a destinazione……… percorso che il martedì faccio in 25-30 minuti al massimo!

“Morale della favola”:
1) nel regno sotterraneo di New York il fine settimana regna l’anarchia
2) ecco spiegata la presenza di così tanti ciclisti nello stesso momento in superficie
3) non datevi mai per vinti… esiste sempre una soluzione! 😉

 

Articoli Correlati


Musica classica alla portata di tutti
L'altra sera gli zii di Luca sono atterrati a New York e sono stati tra i primi ad assaggiare la pizza...

Una pizza in compagnia da… Sottocasa! Ovviamente
Il 2014 a NYC è iniziato alla grande!!! Avevo dato appuntamento a chiunque si volesse unire a me per...

Governors Island: dov’è e come arrivarci
Governors Island, la piccola isoletta a sud della punta di Manhattan e ad est di Brooklyn, è situata...