Vivere all’estero non vuol dire smettere di essere italiani o non avere a cuore la sorte del Paese di origine, anzi, chissà per quale motivo, è vero il contrario: quel sentimento di orgoglio e di appartenenza in qualche modo ci definisce e ci colloca all’interno della nuova società.

Le serate coi nostri amici “expat” spesso finiscono sui 4 soggetti: cucina, calcio, visto (sempre difficile emigrare…) e politica. 😀

È triste per tutti noi italiani all’estero vedere come Berlusconi riesca a finire pure sui quotidiani internazionali a causa dei suoi scandali e delle sue gaffe, e forse potete capire la mia frustazione quando gli americani mi dicono di amare l’Italia, la sua cultura, il cibo, l’arte e la bella lingua, ma di essere disgustati dal nostro capo politico…

Si potrebbe senz’altro ribattere facendo riferimenti a Bush, ma alla fine l’America rimane un Paese che crede nel cambiamento e si rimette sempre in gioco per superare le difficoltà e conquistare nuovi traguardi.

È arrivato anche per l’Italia il momento di costruire un futuro migliore, di cambiare, rinnovarsi e mostrare di nuovo al mondo tutta la sua meravigliosa bellezza.

Questo blog vuole essere una finestra su New York, ma è anche il frutto delle mie personali esperienze e non ho mai nascosto i miei pensieri e le mie impressioni su qualsiasi situazione; solo per questo ho deciso di condividere anche questa volta le mie opinioni 🙂

Nichi Vendola mi sembra un uomo in gamba, uno che possa prendere in mano la situazione e dare nuovamente credibilità politica al nostro Paese.

Ne parlavo con Rita-Gaurios (che è di Bari) l’altro giorno e mi è piaciuto quello che mi ha detto: “da noi Nichi è conosciuto per essere quello che fa”. Queste sue parole mi sono rimaste in testa.

Un uomo di fatti, non di parole. Basta prendere in considerazione i risultati della Puglia per vedere concretamente la conseguenza delle sue azioni.

In questo momento si trova a Sacramento per il congresso di Schwarzenegger (governatore uscente della California) sul cambiamento climatico e oggi, martedì 16 novembre, metterà la firma sulla carta di intenti contro il cambiamento climatico.

Bravo Nichi!!!

Domani, mercoledì 17 novembre, alle ore 18, sarà ospite alla Casa Italiana Zerilli-Marimò (24 W 12th street, tra 5th e 6th avenue) per discutere di politica: “ A Lab for the new Italian South”.

IO CI SARÒ!!! Non vedo lora!!!! 🙂
Chi viene???

Articoli Correlati


I fuochi del 4 luglio
Gli americani hanno un senso di appartenenza alla propria nazione che è invidiabile. Il 4 Luglio è...

Una serata al cinema
Ieri sera Daniela ha deciso di passare la sua ultima (di questi 3 mesi, ma ce ne saranno molte altre...

Il “caso” Vendola
Come ho già scritto in precedenza, questo è e vuole rimanere un blog su NY. Il fatto che Nichi Vendola...