Siamo nel pieno del trasloco anche oggi. Domattina Luca andrà a noleggiare il furgoncino per spostare il materasso e le ultime cose ingombranti che non siamo riusciti a caricare in macchina. Da domani si dorme nella casa nuova!!! Una svolta epocale: da Astoria (Queens) a Boerum Hill (Brooklyn).

Resteremo senza internet fino a fine mese, come farò??? Fortuna che c’è Starbucks, mi toccherà chiedere diversi “Wet Cappuccini” 😛

In questo momento di transizione, mi rendo proprio conto che è fondamentale avere dei “punti fermi” che ti fanno sentire a casa. Volete ridere? Per me è Ikea. Ovunque abbia vissuto, Ikea ha arredato le stanze e le case in cui ho abitato. Anche al nostro arrivo qui (quasi 4 anni fa; il tempo vola!) la prima tappa era stata Aikia –> si pronuncia così qui, e non cercate di convincere gli Americani che si tratta di un’azienda svedese, tanto non vi crederanno… ahahhahahah!!!!

Imbattibile per il rapporto prezzo-qualità, e soprattutto ora per noi ha un valore in più: il look europeo. Non sono una grande fan dell’arredamento made in USA.

Certo, bisogna considerare “lo sbattimento” dell’assemblaggio self-service, ma ne vale la pena. Con $70 poi ti consegnano tutto a domicilio, IN CASA. Non ci abbiamo pensato due volte, abbiamo chiesto il delivery e ieri in due ore e mezza “l’omino-Ikea” si è scaricato il camion tutto da solo: pax, letto e divano, per un totale di una ventina di scatole gigantesche e pesantissime. Mi sono sentita pure in colpa lasciandogli $10 di mancia, e vedendolo grondare di sudore, ma altrimenti dove sta il risparmio?

La cosa stra comoda, è che la compra-vendita privata qui funziona alla grande.

Si è abituati a cambiare spesso casa o a trasferirsi per lavoro, perciò Craigslist è fondamentale. Chiunque può mettere o rispondere agli annunci e se la domanda risponde all’offerta tutto quadra.

Noi abbiamo venduto tutto quello che non ci saremmo potuti portare con noi, ed è comodissimo.

Una nostra esperienza divertente: all’inizio grazie a Craigslist avevamo comprato una di quelle televisioni ancora col tubo catodico per $20. Eravamo senza e volevamo assolutamente risparmiare, quindi sarebbe andata benissimo. Era un po’ piccolina in realtà, così dopo qualche mese Luca decise di cambiarla riuscendola a vendere (sì, la stessa!) a $35. Immediatamente aveva “reinvestito” tutto il capitale per una tv più grande, spendendo addirittura $40. Ovvio, qualche tempo dopo l’aveva rivenduta a $50……….!

Craigslist funziona per tutto, anche per affittare camere. L’unica avvertenza, che continuo a sottolineare, è che purtroppo, essendo uno scambio personale, si deve stare attenti alle truffe. Da qui non c’è nessun problema. Potete sempre scambiare il numero di cellulare e parlare con la persona fisica dall’altra parte, ma dall’Italia sconsiglio vivamente di farlo.

Potrebbe anche andarvi bene, ma i rischi sono molti, specialmente se le cifre sono molto allettanti e chiedono una caparra attraverso corrieri invece che tramite bonifico bancario… state in guardia!

Una volta in loco però, diventa una fonte interminabile per trovare qualsiasi cosa, dalla stanza in affitto al lavoro, dal microonde all’intero arredamento. Sotto la voce Free Stuff, trovate anche tutte quelle cose di cui qualcuno si vuole disfare e che quindi regala.

Potete usarlo anche voi per mettere gli annunci, sia per vendere (davvero, qualsiasi cosa!) che per “trovare lavoro” offrendovi come dogsitter-babysitter-tutor… ecc.
Per farlo è molto semplice, basta cliccare su “post to classifieds” –> per decidere come scrivere l’annuncio e in quale sezione postarlo, vi consiglio di guardare prima annunci simili scritti da altri 😉

Insomma: viva Ikea e Craiglist!!!

Vorrei chiudere con le immagini della nostra sala in questo momento; pensando che questa è solo la metà delle cose che dovrà entrare nel furgoncino mi viene il mal di testa…

Articoli Correlati


AirBnB
Ho tanti amici che subaffittano la propria casa quando vanno in vacanza. È molto comune qui: dal momento...

Sandy, oh Sandy!!!
Sono arrivata a casa da poco, tranquilla e ora decisamente al sicuro. Noi viviamo al confine con una...

Quali posti scegliere in aereo
Io e Luca abbiamo deciso di regalarci qualche giorno in California (a Walnut Creek, 30 minuti da San...