Oggi NY celebra solennemente l’anniversario della morte di John Lennon, e in ogni angolo della strada c’è un qualche artista che a suo modo “paga il tributo” ad uno dei più grandi della storia.

Mi piace respirare quest’aria di “riconoscenza”, che mista allo spirito natalizio rende tutto ancora più bello e commovente.

A poposito, mi sono appena ricordata di aver scattato delle foto con Christine e SaraKonga qualche giorno fa, mentre passeggiavamo per il Chelsea Market in attesa dell’ inizio di Menorah Hora all’Highline Ballroom (a mezzo isolato di distanza).

La vecchia fabbrica adibita a “complesso commerciale” chic e alternativo è stupenda di per sé, e offre bontà di ogni genere (tra cui Fat Witch Brownie, Amy’s Bread, Sarabeth, l’Arte del Gelato…!), ma in questo periodo dell’anno forse dà il suo meglio.

Completamente addobbata con lucine ovunque ha un’atmosfera decisamente magica.

Ma ecco cosa mi ha colpito di più: un albero di Natale ricavato da una composizine di vecchi cd musicali rotti ad hoc… originale, creativo e di grandissimo effetto. Bravi quelli che l’hanno creato!

l'effetto per intero...


... e nel dettaglio 😉

E voi? Com’è il vostro albero di Natale? Avete voglia di condividere qualche fotografia?

–> Luca ha tirato fuori l’albero e le scatole con le decorazioni, ma non abbiamo ancora trovato il tempo di dedicarci all’addobbo… partiamo il 20 e rientreremo il 4 gennaio, stamattina stavamo pensando se abbia senso farlo o no.

Siamo in ritardo rispetto alla nostra “tabella di marcia”, fino all’anno scorso ci eravamo “americanizzati”, facendo l’albero il giorno dopo Thanksgiving, ma quest’anno siamo sempre di corsa…uffi! Che facciamo???

Articoli Correlati


Chelsea Market
Nel 1890 l'azienda National Biscuit aveva deciso di produrre i suoi biscotti in maniera industriale in...

Dicembre
In risposta alla vostra domanda su cosa fare nelle prossime settimane di dicembre (quacuno di voi approfitterà...

Foto in mostra al Chelsea Market
È bellissimo passeggiare sulla "High Line" in qualsiasi stagione, ma certamente il freddo e il vento...