Siete abbatanza intrepidi per iniziare il nuovo anno a NY buttandovi nell’oceano?

Il Club degli Orsi Polari di Coney Island (quartiere russo a Brooklyn), è la più vecchia organizzazione di nuotatori di tutta America, e ogni domenica mattina, da novembre ad aprile, gli iscritti si ritrovano per buttarsi nelle acque ghiacciate dell’Atlantico.

capodanno 2009

capodanno 2009

Il “Bagno di Capodanno” è la loro tradizione newyorkese più amata. Se vi sentite abbastanza temerari da unirvi al gruppo degli “orsi”, sarete più che benvenuti, ma potrete anche decidere di andare in spiaggia per il primo dell’anno e assistere a distanza a questa divertente “follia di gruppo” (copritevi bene, perché se tira vento si congela anche coi cappotti ;-)… io ci ho portato la mia mamma per fare una paseggiata in dicembre, e il vento era tagliente… tutti questi impavidi nuotatori hanno il mio più totale rispetto!!!). Centinaia di persone, tra nuotatori e spettatori, si ritrovano così sulla spiaggia, per affrontare la sfida polare o solo per ridere e godere dello spettacolo. Tutti insieme con lo stesso obiettivo: divertirsi!

Questa abitudine di capodanno è diventata anche occasione per raccogliere fondi di beneficienza per i bambini ammalati di New York! Per contribuire alla donazione, potete farlo attraverso il sito di “Freezin for a Reason, Polar Dips” (Congelarsi per un Motivo, Bagni Polari).

Appuntamento:
1 gennaio 2010, a mezzogiorno, alla spiaggia di Coney Island, sul lungomare di fronte alla ruota panoramica Wonder Wheel Ferris. Il tuffo in mare è previsto per le 13, ma ci si ritrova a mezzogiorno per essere pronti tutti insieme ad immergersi in gruppo.

Come arrivarci:

Facilissimo. Prendete il treno per Coney Island (vanno bene le linee D, F, N e Q) e scendete alla fermata di Stillwell Avenue e camminate verso la spiaggia seguendo le indicazioni per il famoso ristorante Nathans (1310 Surf Ave , Brooklyn) finché non vedrete la ruota panoramica (non è molto lontano, non potete perdervi).

Cosa portare:
Se pensate di essere sufficientemente coraggiosi per buttarvi in acqua, non dimenticatevi di portare con voi (oltre al costume, ovviamente) un asciugamano e dei vestiti caldi con cui avvolgervi dopo la “pazzia”, capello, scarponi/stivali vecchi con cui andare in mare (attenzione: anche la sabbia è gelida!) e una borsetta impermeabile se volete tenere dei soldi con voi (dopo il tuffo è consuetudine andare a bere qualcosa tutti insieme, quindi vi consiglio di avere il portafoglio con voi).
Se sarete semplici spettatori: guanti, sciarpa, cappello, cappotto e macchina fotografica o videocamera 😀

Dove cambiarsi:
Ci sono camerini e bagni sulla spiaggia.

Se volete aver un’idea di quel che potrebbe aspettarvi, potete dar un’occhiata a questo video, girato domenica scorsa da una televisione locale, dopo la prima grande nevicata di NY. L’uomo intervistato dice: «la prima volta ero apprensivo, nervoso, spaventato… ma nel momento in cui ho varcato la soglia della stanza dell’Aquarium e ho raggiunto gli altri è stato incredibile: l’energia che proviene dalla gente ti fa sentire di essere nel posto giusto e capisci che stai per fare la cosa giusta»… Se lo dice lui!

Articoli Correlati


Un tuffetto nell’oceano per Natale…
Arturo Niccoletta e Luca (tre lettori) ieri sono stati a mangiare la pizza da Sottocasa convinti poi...

Un tuffo nell’oceano per festeggiare il nuovo anno
Quale modo migliore di iniziare l'anno se non buttarsi impavidi nelle acque ghiacciate dell'Atlantico?! I...

Il primo dell’anno con VivereNewYork, i Polar Bear e il Luna Park di Coney Island
Per iniziare l'anno nel modo migliore cosa ne direste di un tuffo nelle acque ghiacciate di Brooklyn? Se...